Artigiano

30 in Italia
Il lavoro dell’artigiano è ancora oggi una delle realtà che trascinano l’economia del Belpaese, un fattore in grado di attirare investimenti, capitali e clienti dall’estero, grazie alle abilità manuali degli artigiani Made in Italy. L’artigiano, infatti, secondo la legge, deve basare la propria attività imprenditoriale e la redditività della propria impresa sul lavoro artigianale, ovvero manuale: questi professionisti si caratterizzano infatti per la loro bravura nel creare oggetti e offrire servizi unici alla propria clientela.

Negli ultimi anni il tradizionale processo creativo dell’artigiano si è legato in maniera sempre più indissolubile al concetto di condivisione, per conoscere e farsi conoscere: lo sviluppo della cultura digitale ha così portato alla riscoperta del lavoro artigianale, ma che oggi trova nel web e nei social lo strumento perfetto per diffondersi globalmente, soprattutto tra le generazioni più giovani.

L’artigiano: lavoro tradizionale vs. lavoro moderno

La figura dell'artigiano, tradizionalmente, comprende tutte quelle figure professionali che realizzano prodotti unici attraverso il proprio lavoro manuale: nonostante il sempre maggiore apporto di macchinari, la componente di abilità manuale è ancora preponderante nei laboratori, dove maestri esperti tramandano e trasmettono le proprie capacità di generazione in generazione, accogliendo nel proprio laboratorio apprendisti volenterosi, disposti a imparare i segreti della loro arte.

Negli ultimi anni, accanto alla tradizionale figura dell’artigiano che vive delle relazioni dirette con una ristretta cerchia di clienti, alimentata generalmente dal passaparola come unico strumento promozionale, si sta sviluppando una nuova figura di imprenditore artigiano 2.0, digitalizzato. Si tratta di soggetti che hanno completamente rivoluzionato il loro lavoro, combinando le tecniche di realizzazione tradizionali per dar vita a prodotti innovativi per stile, design o funzionalità, diffusi a livello globale attraverso l’utilizzo del web e dei social network.

La condivisione del lavoro attraverso il web e i social media è il punto forte di questo nuovo modello di artigiano, che conosce alla perfezione e applica i principi del web marketing, diventati ormai fondamentali per riuscire a posizionarsi efficacemente sul mercato. L’artigiano digitale riesce così a dare una nuova dimensione al lavoro manuale e creativo, che viene portato con facilità all’attenzione del grande pubblico, sempre più propenso a cercare e acquistare sul web prodotti fatti a mano perché unici e personali (spesso anche personalizzati), che si distinguono nettamente dai prodotti industriali tutti uguali tra loro.

Artigiano nella tua città

L'artigiano: esempi e categorie

L'artigiano opera in tre diverse macrocategorie economiche, che racchiudono ciascuna diverse figure professionali:
  • servizi alla persona, che comprendono tutte quelle figure che si occupano della cura dell’aspetto fisico dei propri clienti, come parrucchieri, estetisti, tatuatori, massaggiatori e simili;
  • settore alimentare, che comprende tutte quelle attività artigianali come gelaterie, rosticcerie, pasticcerie e altri laboratori artigianali simili;
  • settore non alimentare, che coinvolge tutti quegli artigiani per cui la manualità è la principale dote imprenditoriale, come fotografi, fabbri, sarti ecc.

Trova l’artigiano più vicino a te su PagineGialle

Grazie all’intuitivo motore di ricerca di PagineGialle, trovare un artigiano in grandi città come Milano e Roma è semplice, facile e veloce. Si può anche visualizzare una mappa con le indicazioni per raggiungere ogni artigiano e selezionarlo in base non solo alla distanza, ma anche alle recensioni degli altri utenti. Alla fine, chi vorrà potrà lasciare la propria opinione per aiutare gli altri a trovare gli indirizzi migliori.